Detrazioni Acquisto Prima Casa: Scopri se ti Spettano e Come Ottenerle

15. maggio 2019

Hai chiesto un mutuo per acquistare la tua prima casa?

Puoi scaricare dalle tasse il 19% degli interessi passivi, ovvero quelli che paghi alla banca in funzione del prestito, più una serie di altre spese accessorie, indispensabili per ottenere il mutuo.

In alcuni casi, potrai detrarre dall’Irpef anche gli interessi sui mutui stipulati per l’acquisto di immobili diversi dall’abitazione principale, o per le spese di ristrutturazione.

Ecco come funzionano le detrazioni e come ottenerle.

Interessi passivi mutuo: quanto posso detrarre dalle tasse?

Per sapere se puoi effettivamente scaricare gli interessi del mutuo e in che misura, devi tenere conto di tre fattori:

  • la data in cui hai acceso il mutuo
  • il motivo per cui lo hai stipulato
  • il limite massimo di spesa detraibile fissato dalla legge.
  • Andiamo con ordine!

    In questa tabella trovi tutti i casi in cui è possibile detrarre la spesa per gli interessi passivi del mutuo, suddivisi per data e motivo della stipula.

      INTERESSI PASSIVI DETRAIBILI DALL’IRPEF
    Prima del 1993
    Nel 1997
    Dal 1998
    Mutuo per acquisto abitazione principale
    Mutuo per costruzione e ristrutturazione dell’abitazione principale
    Mutuo per manutenzione, restauro e ristrutturazione di qualsiasi edificio, compresa l’abitazione principale
    Mutuo su immobili diversi dall’abitazione principale

    Rientri in uno di questi casi? Bene!

    Usa la prossima tabella per verificare il tetto massimo di spesa su cui calcolare la detrazione.

    Data e motivo di stipula del mutuo
    Tetto massimo di spesa per interessi passivi (su cui calcolare il 19% di detrazione)
    Mutuo per acquisto dell’abitazione principale, contratto in qualsiasi data
    4.000 €
    Mutuo contratto dal 1998 per costruzione e ristrutturazione dell’abitazione principale
    2.582,28 €
    Mutuo contratto nel 1997 per manutenzione, restauro e ristrutturazione (anche per abitazioni diverse da quella principale)
    2.582,28 €
    Mutui contratti prima del 1993 (anche per abitazioni diverse da quella principale)
    2.065,83 €
      Nota bene: la detrazione degli interessi passivi del mutuo è cumulabile con quella per le ristrutturazioni edilizie.

    Spese mutuo: oltre agli interessi, quali altri oneri posso detrarre?

    Oltre agli interessi passivi, con il 730 puoi scaricare diverse altre spese connesse al tuo mutuo.

    Ecco l’elenco completo degli oneri detraibili:

  • compenso del notaio per la stipula del contratto del mutuo
  • spese eventualmente sostenute dal notaio per tuo conto e in funzione del contratto di mutuo (ad esempio: iscrizione e cancellazione dell’ipoteca)
  • spese di perizia
  • spese di istruttoria
  • commissione di intermediazione richiesta dagli istituti di credito
  • provvigione per scarto rateizzato nei mutui in contanti
  • penalità per anticipata estinzione del mutuo
  • quote di rivalutazione dipendenti da clausole di indicizzazione
  • perdite su cambio, per i mutui contratti in valuta estera
  • imposta per l’iscrizione o la cancellazione di ipoteca
  • imposta sostitutiva sul capitale prestato.
  • Potrai detrarre il 19% del totale degli interessi passivi e delle spese sopra elencate, per un massimo di spesa di 4.000 Euro.

    Poiché il tetto massimo di spesa è fissato per legge, di fatto non potrai scaricare più di 760 Euro.

    Capiamo meglio il perché calcolando la detrazione nei vari casi possibili.
    Prendiamo, ad esempio, il caso di mutuo per acquisto dell’abitazione principale.

  • Caso 1: spesa inferiore al tetto massimo di 4.000 Euro
  • In questo caso, la detrazione corrisponderà al 19% di quanto hai effettivamente pagato.

    Se ad esempio hai speso 3.000 Euro, potrai detrarre 570 Euro (che è appunto il 19% di 3.000) dall’Irpef lorda.

  • Caso 2: spesa pari o superiore al tetto massimo di 4.000 Euro
  • Da 4.000 Euro di spesa in su, la detrazione che ti spetta sarà sempre di 760 Euro (che è il 19% di 4.000 Euro).
    Anche se spendi più di 4.000 Euro, infatti, non potrai calcolare la detrazione sull’importo totale, perché 4.000 Euro è il massimo della spesa ammessa in detrazione.

    Detrazione interessi mutuo: dopo averla calcolata, come faccio a ottenerla?

    Puoi richiedere la detrazione che ti spetta quando presenti la dichiarazione dei redditi, compilando l’apposita voce nel modello 730.

    In questo modo otterrai un vero e proprio sconto sull’Irpef!

    Vuoi sapere quali altre spese ti fanno risparmiare sulle imposte?

    Leggi qui.