Caricamento in corso

Contributo IVS 2020: Cos’è, Esempio e Calcolo

Il contributo IVS è una voce presente nella busta paga di lavoratori dipendenti, non pubblici, ma privati. IVS è l’acronimo di Invalidità, Vecchiaia, Superstiti. Il versamento del suddetto contributo può avvenire per mezzo di pagamento diretto o indiretto (trattenuta in busta paga).

Il contributo IVS deve essere corrisposto all’INPS in modo da assicurare una determinata somma di denaro nel caso in cui si fosse impossibilitati a continuare a lavorare.L’importo dovuto a copertura dell’IVS garantisce, quindi, il diritto a ricevere contributi mensili in denaro in caso di invalidità o inabilità per anzianità.
È bene sapere, inoltre, che in caso di decesso del lavoratore dipendente, saranno gli eredi superstiti a usufruire delle somme di denaro dovute. Proprio per questo motivo, il contributo IVS ha lo scopo di assicurare sia il lavoratore, costretto a interrompere la sua attività lavorativa per anzianità o inabilità, sia i superstiti.
Fai il controllo fiscale ora!

Il contributo IVS mensile

Data la sua natura, il contributo IVS può essere classificato nella categoria delle contribuzioni previdenziali. Scopo ultimo di questi contributi è, infatti, assicurare il lavoratore dipendente contro incidenti o eventi che non lo renderebbero più idoneo alla pratica e allo svolgimento della prestazione lavorativa. L’importo dei contributi previdenziali è calcolato sulla base del contributo IVS, ma non solo. Anche i versamenti per malattia, la cassa integrazione (CIG) e la quota DS incidono sul calcolo dell’aliquota complessiva.

Attraverso il contributo IVS si finanziano le spese che potrebbero essere richieste e sostenute dall’INPS in caso di anzianità, inabilità o morte del lavoratore dipendente. Il contributo IVS mensile lo si può leggere in tutte le buste paga dei lavoratori dipendenti. La relativa quota è versata interamente o solo in parte dal datore di lavoro.

ATTENZIONE: i lavoratori autonomi interessati a versare il contributo IVS dovranno provvedere al pagamento della relativa quota mediante la compilazione del modello F24.

Con il codice MAGt7P hai il 10% di sconto sulla tua prima dichiarazione

Il 730 con Taxfix è guidato, facile, veloce. Vedi subito il risultato e lo migliori con gli esperti fiscali.

Contributo IVS da quando si paga

I dipendenti del settore privato, gli apprendisti, i commercianti e gli artigiani sono tenuti a versare all’INPS la propria quota per Invalidità, Vecchiaia, Superstiti. Lo stesso obbligo vige anche per i professionisti autonomi iscritti alla Gestione Separata, i mezzadri, i coltivatori diretti e i coloni, oltre agli artisti dello spettacolo e ai giornalisti iscritti all’INPGI. Sono esclusi dal versamento della quota IVS i dipendenti pubblici.
A esclusione dei lavoratori autonomi iscritti alla Gestione Separata, i quali dovranno procedere con il pagamento tramite modello F24, il contributo IVS è trattenuto nella busta paga.

Le rate da versare per assolvere all’obbligo del contributo IVS sono in tutto 4 nell’arco dell’anno. Più precisamente (con piccole variazioni in base ai giorni della settimana in cui cade la data – feriale o festivo)

  • PRIMA RATA: 16 febbraio
  • SECONDA RATA: 16 maggio
  • TERZA RATA: 16 agosto
  • QUARTA RATA: 16 novembre

Contributo IVS calcolo

L’importo relativo al contributo IVS non è fisso. Si tratta, infatti, di una quota variabile in considerazione di più e diversi fattori. In linea generale, l’aliquota oscilla tra il 24% e il 33%.

L’ammontare del contributo pensionistico e previdenziale è a carico sia del datore di lavoro sia del dipendente. Le rispettive percentuali sono calcolate secondo il minimo giornaliero di anno in anno stabilito direttamente dall’INPS. Per l’anno 2019, tale somma è pari a 48,74 euro. Solitamente, la quota a carico del lavoratore dipendente è pari circa al 9,19%.

ATTENZIONE: i lavoratori dipendenti la cui aliquota IVS a proprio carico è inferiore al 10%, è previsto un contributo aggiuntivo IVS dell’1%, ma solo se la retribuzione è superiore alla prima fascia. Per l’anno 2019 tale limite è di 47.143 euro annui, ossia 3.928,58 euro mensili.

Contributo IVS esempio calcolo per liberi professionisti

Il calcolo del contributo IVS si basa sul reddito imponibile e sui seguenti altri elementi:

  1. tipologia di contratto;
  2. reddito e dimensione dell’azienda;
  3. reddito del lavoratore;
  4. età;
  5. residenza.

Nello specifico, per quanto riguarda gli imprenditori agricoli, la quota di contributo IVS si basa sulla collocazione geografica dell’impresa (terreno difficile da coltivare, area montana, etc), sulla fascia reddituale di appartenenza dell’azienda, sull’età del lavoratore contribuente (inferiore o superiore ai 21 anni).

Contributo IVS esempio calcolo per liberi professionisti

Qui di seguito riportiamo un esempio di calcolo contributo INPS per i liberi professionisti iscritti alla Gestione Separata.

a) Liberi professionisti non assicurati con altre forme pensionistiche. Contribuzione pari al 25,72%, dove il 25% è attribuibile direttamente all’IVS, il restante 0,72% è un’aliquota aggiuntiva.

Imponibile 30.000 euro
Aliquota INPS 25,72% (25% IVS + 0,72% aliquota aggiuntiva)
Contributi complessivi 7.716 euro (7.500 euro IVS + 216 euro)
Quota lavoratore 6.516 euro (7.716 – 1.200)
Quota committente (4% rivalsa INPS) 1.200 euro (4% di 30.000 euro)

b) Liberi professionisti che percepiscono una pensione o hanno un’altra forma di tutela pensionistica obbligatoria. Contribuzione pari al 24%.

Imponibile 30.000 euro
Aliquota INPS 24%
Contributi complessivi 7.200 euro
Quota lavoratore 6.000 euro (7.200 – 1.200 euro)
Quota committente (4% rivalsa INPS) 1.200 euro (4% di 30.000 euro)

730 online con Taxfix: come funziona?

    1. Registrati
      Crea il tuo account gratuito scaricando l’app o andando su taxfix.it
    2. Accedi in sicurezza al tuo cassetto fiscale
      In 2 minuti accedi ai dati dell’Agenzia delle Entrate sul tuo cassetto fiscale, con SPID o CIE. Scarichi i documenti fondamentali per la dichiarazione comodamente in app (ad esempio la Certificazione Unica).
    3. Vedi subito il risultato del tuo 730
      Vedi il risultato provvisorio e scopri se hai diritto a un rimborso. I nostri esperti fiscali ti aiuteranno a migliorarlo trovando tutti i bonus e le detrazioni che ti spettano, garantendoti sempre il massimo risparmio fiscale.
    4. Scegli con quale piano continuare
      Puoi fare la dichiarazione in due modi: con il piano “Instant” (29,99 euro)  o con il piano “Advanced” (53,99 euro).
      In base ai dati raccolti dall’Agenzia delle Entrate, ti consiglieremo sempre qual è il piano adatto alle tue esigenze fiscali.
    5. Esperti fiscali ti guidano passo passo
      Un esperto fiscale è sempre disponibile via chat, email o telefono e – se hai scelto il piano Advanced –  ti aiuta ad applicare tutte le deduzioni che ti spettano. Scarichi tutte le spese, sia quelle che risultano dalla tua precompilata più tutte quelle che hai sostenuto e non sono incluse.
    6. Ti supportiamo anche dopo l’invio
      Solo a questo punto paghi. Dopo una tua conferma inviamo la dichiarazione all’Agenzia delle Entrate e gestiamo tutto per te. Ti supportiamo anche dopo l’invio.

730 con Taxfix: perché conviene?

Con Taxfix sei al sicuro: fai il tuo 730 online in pochi minuti comodamente online, dall’app o dal tuo computer. Ottieni sempre il massimo rimborso dalle tasse, senza errori

Comodo
Fai il tuo 730 online in pochi minuti, dall’app o dal tuo computer. Addio code e appuntamenti al CAF!

Conveniente
Vedi subito il risultato della tua dichiarazione (gratis) e lo migliori ottenendo sempre il massimo rimborso garantito. Ti aiutiamo a trovare tutti i bonus, deduzioni e detrazioni che ti spettano.

Facile
Utilizziamo un linguaggio e un’interfaccia facili per tutti. Basta parole incomprensibili in “burocratese”!

Sicuro
Accedi con SPID o CIE ai dati dell’Agenzia delle Entrate sul tuo cassetto fiscale. Scarichi e archivi i documenti importanti comodamente in app (come la Certificazione Unica)

Supportato
Fai tutto questo insieme a un esperto fiscale dedicato, sempre disponibile via chat, telefono, email.

Alice Bertolio
da Alice Bertolio
pubblicato il: 22.03.2024
aggiornato il: 22.03.2024

Con il codice MAGt7P hai il 10% di sconto sulla tua prima dichiarazione

Il 730 con Taxfix è guidato, facile, veloce. Vedi subito il risultato e lo migliori con gli esperti fiscali.

Ti potrebbe interessare anche questo
Chi Siamo
Crediamo che fare la dichiarazione dei redditi possa essere più semplice e comprensibile per tutti. Per questo abbiamo fondato Taxfix. Ti guidiamo passo dopo passo attraverso la tua dichiarazione dei redditi, con domande semplici e un linguaggio chiaro e comprensibile. Taxfix è disponibile da computer e dallo smartphone su dispositivi Android e iOS.

Non hai ancora fatto il 730? Rimedia subito!

Offerta valida fino al 30 settembre 2022 h 23:59

Scopri di più sui piani Taxfix

Per entrambi i piani, controlliamo e inviamo la tua dichiarazione senza errori all’Agenzia delle Entrate.

Instant

ADVANCED

PREMIUM

Live chat con i nostri esperti

L’anno scorso hai avuto poche spese e una sola CU
Vuoi che un esperto fiscale controlli tutto per te

Assistenza telefonica

Non vuoi perderti bonus, deduzioni e detrazioni

Hai documenti extra e informazioni da aggiungere
L’anno scorso hai avuto tante spese e/o più tipi di reddito
Hai figli/e o familiari a carico

Hai bisogno di consigli su misura e assistenza diretta

Videochiamate con commercialista dedicato

Consulenza per ottimizzare dichiarazioni prossimi anni