Caricamento in corso
 

Tari 2021: Calcolo, Esenzioni e Riduzioni

Sulla Tari (tassa sui rifiuti) sorgono spesso molti dubbi: chi deve pagarla, il proprietario o l’inquilino? Come si calcola? È possibile richiedere esenzioni o riduzioni?
Proviamo a dare risposta ad alcune delle domande più frequenti.
Fai il controllo fiscale ora!

Chi paga la Tari?

La tassa sui rifiuti (Tari) serve a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Devi pagarla se hai “il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di locali o di aree scoperte operative suscettibili di produrre rifiuti urbani”.

Così recita il sito del Dipartimento delle Finanze, intendendo:

  • per locali, tutte le strutture fissate al terreno e chiuse su almeno tre lati
  • per aree scoperte, le superfici prive di edifici o strutture edilizie e gli spazi circoscritti che non costituiscono parte integrante del locale (escluse le aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali tassabili e le aree comuni condominiali che non siano detenute o occupate in via esclusiva).

Nel concetto di “detenzione” rientrano anche l’affitto e la locazione; in generale, possiamo dire che è tenuto al pagamento della Tari chi utilizza in via prevalente il locale o l’area scoperta, producendovi dei rifiuti.Se gli utilizzatori sono più di uno (ad esempio, nel caso di più coinquilini in uno stesso appartamento), questi devono dividersi l’onere della tassa sui rifiuti.

Dall’applicazione di questa regola generale deriva che è l’inquilino (o l’affittuario di un locale) a dover pagare la Tari, e non il proprietario.

Fanno eccezione le locazioni e gli affitti per brevi periodi, più precisamente per meno di sei mesi: in questo caso, l’obbligo della Tari resta al possessore (proprietario o titolare di usufrutto, uso, abitazione o superficie).

Come si calcola la Tari?

Per calcolare la Tari, devi tenere presente che questa tassa si compone di due parti:

  • una quota fissa, determinata in base alla superficie calpestabile dell’immobile oggetto di tassazione, alla tipologia di servizi di raccolta e smaltimento rifiuti offerti dal Comune e al loro costo;
  • una quota variabile, stabilita sulla base della quantità di rifiuti prodotti (e quindi dal numero di componenti del nucleo familiare, o in generale dal numero di utilizzatori del locale o dell’area).

Per calcolare la quota fissa, occorre moltiplicare il numero di metri quadri calpestabili per la tariffa prevista per il numero di occupanti. Questa tariffa viene determinata di anno in anno da specifiche delibere dei singoli Comuni.

Riguardo agli occupanti, va precisato che:

  • se chi paga la Tari è residente nell’immobile, il numero di occupanti da considerare è quello registrato negli archivi del Comune;
  • se invece chi paga la Tari non risiede nell’immobile, occorre considerare il calcolo presuntivo del numero di occupanti sulla base dei metri quadri:
    • da 0 45 mq.: 1 occupante presunto
    • da 46 a 60 mq.: 2 occupanti presunti
    • da 61 a 75 mq.: 3 occupanti presunti
    • 76 mq. e oltre: 4 occupanti presunti.

Scadenze, esenzioni e riduzioni Tari

Le regole sul pagamento della Tari sono fissate dai Comuni, con specifiche delibere. Lo stesso vale per le scadenze. Nella maggior parte dei Comuni, la Tari si paga in due rate, con cadenza semestrale.

Sono diversi i casi di esenzione, ovvero quelli in cui non si paga la Tari, e quelli di riduzione, ovvero in cui il tributo è dovuto in misura ridotta.

Tra i piu comuni, citiamo:

  • l’esenzione Tari per casa disabitata
  • la riduzione Tari sulla seconda casa
  • la riduzione della Tari per servizio insufficiente.

Secondo le disposizioni del MEF (Ministero dell’Economia e delle Finanze), puoi richiedere l’esenzione dalla Tari per gli immobili disabitati e non pagare alcun tributo per i rifiuti, a patto che:

  • per l’immobile non risultino attive le utenze di gas, luce o acqua
  • l‘immobile non sia arredato.

Se invece hai una seconda casa che utilizzi solo per pochi mesi l’anno (e contestualmente risulti residente presso un altro immobile), puoi richiedere la riduzione della tassa sui rifiuti.

Le condizioni sono stabilite dalla Legge di Stabilità 2014, al comma 659, e si applicano a:

  • abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale o ad altro uso limitato e discontinuo
  • locali, diversi dalle abitazioni, ed aree scoperte adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo, ma ricorrente
  • abitazioni occupate da soggetti che risiedono o hanno dimora all’estero per più di sei mesi all’anno
  • fabbricati rurali ad uso abitativo.

Di solito sono le delibere dei Comuni a stabilire la percentuale di riduzione; se così non fosse, per pagare meno Tari sulla seconda casa dovrai presentare un ricorso.

Un altro caso in cui puoi richiedere la riduzione della Tari è quando il servizio di raccolta dei rifiuti è insufficiente; in questi casi, la tassa è dovuta nella misura massima del 20% della tariffa.

La riduzione spetta anche in caso di interruzione del servizio per motivi sindacali o per imprevedibili impedimenti organizzativi che abbiano determinato una situazione (riconosciuta dall’autorità sanitaria) di danno o pericolo di danno alle persone o all’ambiente.

La Tari può inoltre essere soggetta a riduzione nelle zone in cui non è effettuata la raccolta: la percentuale da pagare è fissata dal Comune e non dovrà superare il 40% della tariffa applicata presso il più vicino punto di raccolta.

Per sapere se puoi accedere ad una riduzione della Tari e come, e a quanto ammonta il risparmio, consulta le delibere del Comune in cui si trova l’immobile.

Hai già la tua Certificazione Unica (CUD) oppure ne hai più di una? Scopri se sei obbligato a fare la dichiarazione.

Sei alla ricerca di un modo per fare la dichiarazione dei redditi? Con Taxfix fai il tuo 730 online in tutta comodità dal computer di casa o smartphone. Occhio alla scadenza 730 prevista per quest’anno.

730 online con Taxfix: come funziona?

    1. Registrati
      Crea il tuo account gratuito scaricando l’app o andando su taxfix.it
    2. Accedi in sicurezza al tuo cassetto fiscale
      In 2 minuti accedi ai dati dell’Agenzia delle Entrate sul tuo cassetto fiscale, con SPID o CIE. Scarichi i documenti fondamentali per la dichiarazione comodamente in app (ad esempio la Certificazione Unica).
    3. Vedi subito il risultato del tuo 730
      Vedi il risultato provvisorio e scopri se hai diritto a un rimborso. I nostri esperti fiscali ti aiuteranno a migliorarlo trovando tutti i bonus e le detrazioni che ti spettano, garantendoti sempre il massimo risparmio fiscale.
    4. Scegli con quale piano continuare
      Puoi fare la dichiarazione in due modi: con il piano “Instant” (29,99 euro)  o con il piano “Advanced” (53,99 euro).
      In base ai dati raccolti dall’Agenzia delle Entrate, ti consiglieremo sempre qual è il piano adatto alle tue esigenze fiscali.
    5. Esperti fiscali ti guidano passo passo
      Un esperto fiscale è sempre disponibile via chat, email o telefono e – se hai scelto il piano Advanced –  ti aiuta ad applicare tutte le deduzioni che ti spettano. Scarichi tutte le spese, sia quelle che risultano dalla tua precompilata più tutte quelle che hai sostenuto e non sono incluse.
    6. Ti supportiamo anche dopo l’invio
      Solo a questo punto paghi. Dopo una tua conferma inviamo la dichiarazione all’Agenzia delle Entrate e gestiamo tutto per te. Ti supportiamo anche dopo l’invio.

730 con Taxfix: perché conviene?

Con Taxfix sei al sicuro: fai il tuo 730 online in pochi minuti comodamente online, dall’app o dal tuo computer. Ottieni sempre il massimo rimborso dalle tasse, senza errori

Comodo
Fai il tuo 730 online in pochi minuti, dall’app o dal tuo computer. Addio code e appuntamenti al CAF!

Conveniente
Vedi subito il risultato della tua dichiarazione (gratis) e lo migliori ottenendo sempre il massimo rimborso garantito. Ti aiutiamo a trovare tutti i bonus, deduzioni e detrazioni che ti spettano.

Facile
Utilizziamo un linguaggio e un’interfaccia facili per tutti. Basta parole incomprensibili in “burocratese”!

Sicuro
Accedi con SPID o CIE ai dati dell’Agenzia delle Entrate sul tuo cassetto fiscale. Scarichi e archivi i documenti importanti comodamente in app (come la Certificazione Unica)

Supportato
Fai tutto questo insieme a un esperto fiscale dedicato, sempre disponibile via chat, telefono, email.

Alice Bertolio
da Alice Bertolio
pubblicato il: 22.03.2024
aggiornato il: 22.03.2024

Con il codice MAGt7P hai il 10% di sconto sulla tua prima dichiarazione

Il 730 con Taxfix è guidato, facile, veloce. Vedi subito il risultato e lo migliori con gli esperti fiscali.

Ti potrebbe interessare anche questo
Chi Siamo
Crediamo che fare la dichiarazione dei redditi possa essere più semplice e comprensibile per tutti. Per questo abbiamo fondato Taxfix. Ti guidiamo passo dopo passo attraverso la tua dichiarazione dei redditi, con domande semplici e un linguaggio chiaro e comprensibile. Taxfix è disponibile da computer e dallo smartphone su dispositivi Android e iOS.

Non hai ancora fatto il 730? Rimedia subito!

Offerta valida fino al 30 settembre 2022 h 23:59

Scopri di più sui piani Taxfix

Per entrambi i piani, controlliamo e inviamo la tua dichiarazione senza errori all’Agenzia delle Entrate.

Instant

ADVANCED

PREMIUM

Live chat con i nostri esperti

L’anno scorso hai avuto poche spese e una sola CU
Vuoi che un esperto fiscale controlli tutto per te

Assistenza telefonica

Non vuoi perderti bonus, deduzioni e detrazioni

Hai documenti extra e informazioni da aggiungere
L’anno scorso hai avuto tante spese e/o più tipi di reddito
Hai figli/e o familiari a carico

Hai bisogno di consigli su misura e assistenza diretta

Videochiamate con commercialista dedicato

Consulenza per ottimizzare dichiarazioni prossimi anni